Coe, Modine e Sheen: le voci americane di “Rughe”

wrinkles-voices

Rughe, il film di Ignacio Ferreras, continua inarrestabile il suo viaggio intorno al mondo: dall’Europa – Spagna, Francia, Italia e Portogallo – ha raggiunto la Russia e il Giappone (sotto il marchio dello Studio Ghibli) e ovviamente, gli Stati Uniti.

Nella versione americana (Wrinkles ), che raggiungerà anche il Regno Unito, il Canada e l’Australia, i protagonisti della storia avranno la voce di grandi stelle del cinema: George Coe (Kramer conto Kramer, Archer ), Matthew Modine (Full Metal Jacket, Il cavaliere oscuro  Il ritorno ) e Martin Sheen (Apocalypse Now, Wall Street, La Zona Morta un doppiaggio ad altissimi livelli, per valorizzare una pellicola straordinaria. Continua a leggere

Annunci

“Rughe” nelle sale giapponesi

Ferreras_a_Tokyo

Sabato 22 giugno Rughe è finalmente arrivato in Giappone.

Il film, già premiato come Migliore opera nella categoria “Educazione sociale” con il Japan Prize 2012, assegnato dalla televisione pubblica NHK, sarà proiettato in tutti i cinema giapponesi con il marchio di eccellenza dello Studio Ghibli, la leggendaria casa di produzione, fondata da Hayao Miyazaki e Isao Takahata, che ha deciso di curarne la distribuzione. Continua a leggere

Rughe: in giro per il mondo

Rughe - edizioni straniere

Da settembre a dicembre, Rughe viene letto (come fumetto) e visto (come film d’animazione) dagli Stati Uniti fino al Giappone ottenendo successo e apprezzamenti dalla critica e dal pubblico. Continua a leggere

Animamundi, Rughe premio del pubblico come migliore film d’animazione per adulti

Rughe vince Animamundi, il più importante festival di animazione del Sud America

Rughe vince Animamundi, il più importante festival di animazione del Sud America

Altro premio per il film di animazione di Rughe: Migliore pellicola al festival Animamundi in Brasile, il più importante appuntamento di animazione del Sud America.

Il lungometraggio Rughe diretto da Ignacio Ferreras e tratto dal graphic novel di Paco Roca, continua con il successo internazionale grazie al nuovo premio del pubblico come migliore film di animazione nella categoria di migliore film per adulti.

Questo nuovo riconoscimento si somma alla menzione speciale di Annecy ed è un ulteriore aiuto nella competizione per vincere i Golden Globes di questo autunno. Inoltre arriva poco dopo che Ignacio Ferreras è stato selezionato da Variety ed European Film Promotion come uno dei dieci registi emergenti dell’Europa al Festival di Cinema di Karlovy Vary agli inizi di Luglio.

Ignacio Ferreras, regista di Rughe

Dopo l’intervista a Manuel Cristobal, produttore di Rughe, è la volta del regista Ignacio Ferrares

Rughe e Ignacio Ferreras

Rughe e Ignacio Ferreras

Rughe è diverso da molti film d’animazione occidentali”, ci racconta in un’intervista esclusiva Ignacio Ferreras, regista spagnolo che ha portato sul grande schermo Rughe, il graphic novel di Paco Roca (in Italia pubblicato daTunué) molto apprezzato da critica e pubblico. Vincitore di due premi Goya come miglior film di animazione e come miglior adattamento, Rughe è stato presentato il 6 e il 9 maggio al cinema Farnese Persol a Roma nell’ambito del festival CinemaSpagna. Un’occasione per scoprire un gioiello di animazione che tratta il tema dell’Alzheimer con sensibilità ed umorismo.

Nella sua vita da lettore/spettatore è arrivato prima il fumetto o il cinema?

È complicato dirlo… La verità è che non lo ricordo esattamente, non ho buona memoria per i ricordi d’infanzia. Direi entrambi al tempo stesso. Sicuramente la prima influenza più forte, quando avevo tre o quattro anni, proviene dalle serie di animazione della tv: Heidi (Arupusu no shoojo Haiji) e Marco (Haha o Tazunete Sanzenri), con la regia di Isao Takahata. Dopo, penso, è stato il fumetto, specialmente I Puffi di Peyo e soprattutto le storie disegnate da Franquin.

Secondo lei la dimensione migliore per l’adattamento cinematografico dei fumetti è il film d’animazione?

Dipende dal fumetto, ma in generale penso che si possano fare buoni adattamenti di fumetti sia con veri attori che in animazione: entrambi i mezzi aggiungono significati diversi alla storia. Alla fine ciò che conta è approfittare di ciò che ogni mezzo può aggiungere alla storia.

Emilio arriva alla casa di riposo

Quali autori di comics e quali registi d’animazione l’hanno influenzata?

La lista è molto lunga, quindi posso citarne soltanto alcuni registi di cinema: Akira Kurosawa, Isao Takahata, Hayao Mizayaki, Charlie Chaplin, David Lean, Stanley Kubrick, Satoshi Kon, William Wyler, Federico Fellini, Ermanno Olmi, Henri-Georges Clouzot, Hirokazu Kore-eda, Mamoru Hosoda, Masaaki Yuasa… Autori di fumetti: Hayao Miyazaki (Nausicaa), Naoki Urasawa (20 Century Boys), Kengo Hanagawa (Boys on the Run), Toyokazu Matsunaga (Ryuuguuden), e tanti altri autori, la maggior parte giapponesi, anche se leggo anche tanti fumetti europei, in particolare amo quelli francesi.

Continua la lettura dell’intervista su Rutin.it